La sinistra e i “forconi”

20131215_forconiLe mobilitazioni dei “forconi”, sviluppatesi nel corso della settimana, confermano quanto si era detto qualche mese fa ragionando sul successo elettorale del Movimento 5 Stelle. Sta infatti giungendo a maturazione una tendenza che ha percorso gli ultimi vent’anni di storia del nostro paese, e che consiste nel crescente protagonismo sociale e politico delle “classi medie”. Con questo termine si intende un agglomerato sociale che include porzioni eterogenee della popolazione, che in una situazione come quella attuale si trovano accomunate dalle conseguenze della crisi economica e sociale sul proprio tenore di vita e sulle proprie prospettive.

Si tratta di un agglomerato che sfida le distinzioni di classe tradizionali. Questo agglomerato è tenuto insieme più da fattori di ordine soggettivo – una sorta di “sentire comune” indotto dall’impoverimento generale causato dalla crisi, ad esempio – che da fattori di ordine oggettivo. Su quest’ultimo piano, giusto per fare un esempio, gli interessi del piccolo imprenditore strozzato dalle tasse e quelli del dipendente pubblico iper-precarizzato a rischio licenziamento rimangono su due fronti diversi del conflitto tra capitale e lavoro su cui si regge la dialettica sociale del sistema capitalistico, a dispetto di quanto le loro condizioni materiali e di reddito, o le rispettive risposte ideologiche alla crisi possano, nella pratica, avvicinarsi.

 > Due parole sul concetto di “classi medie”

 Se è più utile definire il ceto medio in termini soggettivi piuttosto che in termini oggettivi, la circostanza è dettata dalle condizioni reali che hanno portato queste sfuggenti “classi medie” a rivestire un ruolo così centrale nel mondo occidentale ad industrializzazione avanzata, caratterizzato dal peso crescente del settore terziario. L’elemento che sta alla base dell’idea stessa di ceto medio è legato all’illusione che fosse possibile ottenere una mediazione e una composizione del conflitto sociale – ossia della dialettica tra capitale e lavoro – attraverso le grandi istituzioni novecentesche: partiti di massa, sindacati di massa, istruzione pubblica di massa, Stato Sociale ecc. Un modello di mediazione che oggi, sotto la pressione della più grande crisi capitalistica degli ultimi 80 anni, è in profonda crisi, ma le cui promesse – benessere diffuso, pace sociale, mobilità sociale – sono ancora vive nella coscienza di vasti strati della popolazione.

Nel caso italiano, questa circostanza generale e “sistemica” si somma a tutta una serie di specificità storiche, dalle peculiarità del capitalismo italiano (ruolo centrale dello stato, povertà di capitali, fragilità del del sistema bancario, familismo nei rapporti di proprietà ecc.), fino al sovradimensionamento, nella sua funzione di assorbimento della disoccupazione, del settore del piccolo commercio e delle piccole attività imprenditoriali – un dato, quest’ultimo, che si manifestava in tutta la sua rilevanza già all’inizio degli anni ’70, vedi M. D’Amato, “Sviluppo e crisi del capitalismo italiano 1951-1972”.

La crisi della direzione del movimento operaio – vera e propria “onda lunga” della sconfitta del ciclo di lotte degli anni ’60 e ’70 – rende oggi la classe lavoratrice italiana particolarmente vulnerabile all’assalto del grande capitale. Parallelamente, la pesante ristrutturazione subita dal capitalismo italiano negli anni ’90 (privatizzazioni, dismissione dell’IRI, avanzata dei nuovi “capitalisti di ventura”, ridefinizione degli equilibri con il sistema politico e con quello finaziario ecc.) e il processo di integrazione europeo fanno sì che la borghesia italiana sia oggi profondamente divisa al suo interno, e fatichi quindi a sua volta a trovare una sponda politica univoca. Infine, l’affermazione della grande distribuzione di massa, una pressione fiscale vissuta come eccessiva, vincoli burocratici spesso inestricabili, crollo dei consumi e concorrenza internazionale nel settore delle merci a basso valore aggiunto hanno reso la micro-imprenditorialità una via d’uscita sempre meno praticabile. Per non parlare delle chances di mobilità sociale, ridotte al lumicino dalla dismissione progressiva del sistema educativo e formativo e dalla stretta creditizia.

Se l’Italia degli ultimi cinquant’anni ha partorito le classi medie per come le conosciamo, gli sviluppo più recenti del capitalismo a livello mondiale e la crisi economica e sociale di questi anni, sommandosi alle contraddizioni del processo di integrazione europea, le stanno di fatto lasciando orfane del loro mondo. E a mano a mano che gli ultimi serbatoi di speranza politica disponibili si vanno esaurendo, la rabbia di questo ceto medio cresce, e cresce anche la persuasione che questa rabbia non possa essere incanalata nelle forme tradizionali della rappresentanza democratica.

> I “forconi” tra montatura mediatica e deriva reazionaria

Le proteste che si sono viste in questi giorni, così come il trionfo elettorale del M5S qualche mese fa, rientrano in questa tendenza generale. Esse sono il frutto degli sviluppi collaterali che questa tendenza ha prodotto nella società italiana sulla spinta del progredire della crisi, della sempre più scarsa credibilità del ceto politico e dirigente, delle politiche di austerità messe in atto sotto dettatura dell’Unione Europea.

torino-forconi

Nella realtà dei fatti la protesta dei “forconi” è stata, salvo rare eccezioni (Torino e il Veneto), molto debole sia sul piano quantitativo sia sul piano qualitativo. La partecipazione effettiva alle proteste è stata limitata, in alcune città, a poche decine di persone, e sul piano dei contenuti e delle rivendicazioni non si è andati molto oltre il “tutti a casa” di grillesca memoria. Tuttavia, l’impatto di queste proteste sulla coscienza collettiva è stato di gran lunga superiore, ad esempio, a quello della ben più partecipata manifestazione del 19 ottobre, o a quello delle occupazioni di piazza nate sull’onda delle “acampadas” spagnole nel maggio 2011.

I media hanno cavalcato le mobilitazioni di questi giorni gonfiandone la portata, e questo è un primo segnale da valutare con attenzione. In parte come conseguenza di questa sovraesposizione mediatica, in parte per fattori molto più concreti legati alla drammaticità delle condizioni sociali ed economiche, queste proteste rischiano di lasciare una traccia nella coscienza collettiva ben oltre quello che sarà il loro naturale esaurimento. Le (poche) parole d’ordine lanciate in questi giorni, infatti, trovano riscontro nel modo in cui un’ampia “maggioranza silenziosa” di italiani percepisce la crisi, le sue cause e le possibili “soluzioni” – virgolette più che mai d’obbligo, visto che tra queste “soluzioni” sono inclusi provvedimenti reazionari che vanno dall’espulsione dei migranti all’instaurazione di una giunta militare.

L’altro segnale preoccupante è legato alla forte permeabilità di queste proteste ai progetti politici delle forze di estrema destra e alle infiltrazioni della criminalità organizzata. Il supporto logistico e organizzativo di cui hanno goduto alcune manifestazioni lascia intendere, se non una regia esplicita, quanto meno la capacità da parte di soggetti organizzati appartenenti alla galassia della destra populista (in tutte le sue declinazioni: dai neofascisti fino agli indipendentisti veneti) di trovare nella rabbia dei ceti medi impoveriti, dei disoccupati e di molti giovani senza prospettiva di futuro una base sociale di riferimento. Visto l’approssimarsi delle elezioni europee, la possibilità di dar vita anche qui in Italia ad un fronte reazionario con forti radici nella rabbia popolare fa sicuramente gola a molti.

> La debolezza della classe lavoratrice

L’inadeguatezza, se non la totale assenza, delle organizzazioni tradizionali della classe lavoratrice (partito, sindacato ecc.) fa sì che, nonostante chiusure, licenziamenti, esuberi, cassa integrazione siano all’ordine del giorno per centinaia di migliaia di lavoratori, questi si trovino quasi sempre nell’impossibilità di organizzare e spingere la propria lotta al di là dei singoli contesti lavorativi o territoriali. Il conflitto sociale sul fronte della contrapposizione classica fra capitale e lavoro è nella maggior parte dei casi puramente difensivo e di retroguardia – e anche in questa funzione i lavoratori si trovano spesso e volentieri a rivestire la parte degli sconfitti. Lo scollamento fra base e burocrazie di vertice è sempre più marcato, e le sue conseguenze in prospettiva sempre più preoccupanti.

Lo scorso marzo, il voto operaio al M5S veniva interpretato proprio in relazione a questa tendenza: smentendo le rosee aspettative della sinistra anticapitalista, l’impatto della crisi sulla coscienza sociale e politica non ha comportato affatto l’unione del ceto medio con la classe lavoratrice in una prospettiva di cambiamento radicale del sistema, ma precisamente il contrario, con i lavoratori che rincorrono politicamente le classi medie sul loro stesso terreno – inevitabilmente confuso e contraddittorio, potenzialmente (quando non già di fatto) reazionario.

A tracciare nettamente questa tendenza contribuiscono vent’anni di errori e fallimenti delle direzioni politiche e sindacali, oltre che, ovviamente, l’offensiva spietata condotta dalle classi dirigenti e dal capitale per rimuovere dalla coscienza collettiva persino le ultime tracce di un’idea diversa di società. Così, a differenza di quanto accade in altre parti del mondo (negli Stati Uniti, ad esempio), per tutta una serie di fattori storici qui da noi l’idea stessa di un futuro socialista come unica possibile via d’uscita alla crisi e alle contraddizioni del sistema incontra nella coscienza della gente comune (inclusa una fetta non trascurabile della stessa classe lavoratrice) ostacoli insormontabili.

> Necessità e limiti di un’analisi collettiva

Tutti questi fattori – ruolo sociale delle classi medie impoverite, distorsione massmediatica, permeabilità alla retorica delle destre, crisi della direzione del movimento dei lavoratori, attacco senza precedenti del capitale, arretramento della coscienza ecc. – meriterebbero un’analisi separata e approfondita. Gli elementi di questo esame dettagliato, così come i primi tentativi di ricavarne una sintesi complessiva, non mancano. La pubblicistica di movimento e le analisi delle organizzazioni della sinistra pullulano di tentativi di questo genere.

I tentativi di comprensione e di elaborazione collettiva di questa fase storica, adeguati o inadeguati che siano, restano peraltro un passaggio imprescindibile, e nessuna analisi individuale può sostituirsi ad essi, o pretendere di bypassarli, trascenderli o addirittura superarli. Con questa riflessione, sia chiaro, non intendo fare nulla del genere. Vorrei invece proporre, accanto ad un piccolo contributo di sintesi, il mio personale punto di vista sulla questione, partendo sia dalla mia posizione nel contesto generale (che è quella di un lavoratore precario con alle spalle una minima esperienza, breve ma intensa, di militanza politica nella sinistra anticapitalista) sia dalle esperienze vissute in questi ultimi due/tre anni.

Una riflessione di questo tipo, che parte dalla constatazione dei fattori fin qui indicati e dal tentativo di inserirli in una cornice generale per comprenderli al meglio, si focalizza però necessariamente su un altro aspetto: come comportarsi di fronte a queste tendenze? Come intervenire – posto che abbia senso intervenire – nelle mobilitazioni di questi giorni e in ciò che, verosimilmente, ci aspetta nell’immediato futuro? Quali sono i limiti con cui si deve misurare un tentativo di intervento di questo genere?

Anche su questi ultimi aspetti, le letture – con relativa coda di controversie e polemiche – si sprecano. Con un limite, tuttavia: che è quello di restare quasi sempre confinate alla dialettica fra gruppi e organizzazioni. Ciò rischia di spostare l’attenzione dall’esigenza di un’analisi e di una prospettiva basate su dati oggettivi, alla competizione fra progetti politici divergenti; per cui il problema non è più tanto quello di capire fino in fondo la fase in cui ci troviamo, e di trarne le conseguenze fino in fondo, ma di cercare quanto più possibile di fare “buon viso a cattivo gioco”, come se l’agibilità politica fosse qualcosa che può essere in qualche modo costruito a tavolino o ottenuto su basi puramente “volontaristiche” – per cui magari basta solo volersi un po’ “sporcare le mani”, o ideare qualche stratagemma analitico ad hoc, per ricavare qualcosa di buono e positivo dalle mobilitazioni di questi giorni.

> Confronto con il maggio 2011

195754_150374361699683_223450_nLa cosa che più colpisce, tuttavia, è il contrasto evidente fra i discorsi che si sono sentiti in questi giorni in alcune frange di movimento e l’approccio tenuto da quelle stesse componenti in altre circostanze. Per chi, come me, ha vissuto in prima persona le mobilitazioni del maggio-giugno 2011, nate sull’onda delle occupazioni di piazza spagnole, questo contrasto è particolarmente allarmante.

Perché in quel caso la tanto sbandierata necessità di “sporcarsi le mani” non fu affatto sottolineata con tanta veemenza, né tanto meno fu messa in pratica. Le assemblee di piazza di quella primavera, nonostante inizialmente coinvolgessero centinaia di persone, furono anzi spesso e volentieri snobbate, se non in alcuni casi apertamente “sabotate” con la scusa della confusione e del rischio di infiltrazioni dell’estrema destra (sic); il che, se paragonato con l’insistenza sulla necessità di sporcarsi le mani nelle piazze dei “forconi”, in cui l’estrema destra c’è davvero (con tanto di simboli e slogan), fa persino sorridere.

Un dato va ovviamente tenuto in considerazione: nel 2011 la situazione sociale non era arrivata ai livelli di deterioramento attuali. Il governo Monti non si sarebbe insediato che qualche mese dopo. E sebbene ci fossero tutti i segnali di quale sarebbe stata l’agenda economica dei governi a venire, il dibattito era ancora pesantemente viziato dall’ostilità crescente verso il “berlusconismo”, e faticava quindi ad orientarsi sulla necessità di rispondere colpo su colpo alle politiche di austerità. Il contesto era diverso anche per altre ragioni: il ruolo assunto dalla FIOM nelle mobilitazioni dell’autunno precedente, ad esempio; oppure la partecipazione massiccia alla campagna referendaria contro il ritorno al nucleare e la privatizzazione dell’acqua, che si tradusse in un’inaspettata vittoria.

Diversa era anche la composizione sociale di quelle piazze, in cui ancora non si vedeva una presenza così massiccia dei “nuovi poveri” e in cui a farla da padrona era la componente giovanile e studentesca, nonostante lavoratori, disoccupati e senzatetto non mancassero affatto. Mancavano però quei fattori che permettono oggi a certuni di vedere nelle piazze dei “forconi” la materializzazione della possibilità concreta dello “sciopero precario”, quando non addirittura l’anticamera alla “sollevazione generale”. E tanto potrebbe bastare, forse, per chiudere qui il discorso.

In politica, però, la prospettiva è tutto. E le conseguenze negative della scelta di trascurare quelle piazze si stanno facendo sentire oggi in modo più pesante che mai. Pur con tutti i loro limiti e le loro contraddizioni, le mobilitazioni di quei mesi hanno rappresentato il possibile incubatore di una “coscienza diffusa” capace di orientare a sinistra l’azione di contrasto alla crisi e all’austerità da parte dei giovani, dei lavoratori e dello stesso ceto medio impoverito. E quando dico “orientare a sinistra” non faccio riferimento al sostegno elettorale a qualche presunta forza partitica di sinistra, ma proprio al diffondersi della consapevolezza che l’unica via d’uscita dalla morsa dell’austerità è la lotta per un diverso modo di produrre e di distribuire la ricchezza.

L’ondata di mobilitazione indotta qui in Italia dalle rivoluzioni nordafricane, dalle “acampadas” spagnole e dal movimento Occupy si è poi infranta, con conseguenze disastrose, sulle contraddizioni del 15 ottobre 2011. Non è quindi possibile dire quali sarebbero stati gli sviluppi di quelle mobilitazioni se quella giornata fosse andata diversamente.

L’esito non sarebbe stato scontato, ovviamente. Nonostante non ci sia paragone fra i temi e le forme del dibattito nelle assemblee di piazza del maggio 2011 e l’esplosione di qualunquismo che ha caratterizzato gli slogan e le modalità di protesta di questa settimana, entrambe le situazioni rispecchiano, nei fatti, un drammatico arretramento della coscienza. Arretramento che, come si è detto, è figlio di due decenni di tradimenti ed errori da parte delle organizzazioni tradizionali del movimento dei lavoratori, che non sono riuscite a porre un freno alla crescente disillusione e avversità della gente comune nei confronti delle “ideologie” – quando addirittura non hanno incentivato apertamente questa tendenza.

> L’arretramento della coscienza

La crisi delle istituzioni “moderne”, otto-novecentesche, dai partiti di massa allo Stato Sociale, passando per la Chiesa (costretta a mettere in atto una vera e propria operazione di marketing con l’elezione del nuovo Papa) e per i mezzi di comunicazione di massa, ha privato la società di quasi tutte le “cinghie di trasmissione” che avevano permesso, nel secolo scorso, la diffusione capillare delle “visioni del mondo” tradizionali e di tutti gli elementi di comprensione (o di giustificazione) dell’esistente che queste ultime portavano con sé. Borghesia e ceto intellettuale hanno insomma abdicato alla loro funzione pedagogica – a prescindere dal fatto che questa si svolgesse nei circoli di partito, nelle aule scolastiche o universitarie, nelle parrocchie o attraverso lo schermo di un televisore.

La coscienza collettiva ha smesso così di rappresentare un terreno di disciplinamento a scopo produttivo, secondo le logiche della produzione di massa (il tanto citato “fordismo”). A partire almeno dagli anni ’80, la nuova frontiera dello sfruttamento capitalistico, nell’occidente in corso di deindustrializzazione, sono infatti diventate proprio le pulsioni più “indisciplinabili” delle masse. La “liberazione dell’individuo” dalle catene della società industriale, da slogan rivoluzionario, è diventato la parola d’ordine dei nuovi imprenditori, delle agenzie di marketing, degli stessi leader politici conservatori.

Il controllo sociale, naturalmente, non è venuto meno, ma è stato delegato a nuove forme, come dimostra ad esempio il recente scandalo intercettazioni che ha coinvolto negli Stati Uniti la NSA. Non più i canali istituzionali tradizionali che, con tutto il loro carico normativo, avevano prevalso nel corso del Novecento, ma potenti elaboratori capaci di misurare e ricavare medie e tendenze, o di intercettare fattori di rischio, in una mole al tempo stesso gigantesca e pulviscolare di singoli comportamenti individuali – e se l’immagine dell’elaboratore elettronico come sostituto delle forme tradizionali del controllo sembra solo un’ingenua suggestione, indotta magari dagli scandali recenti, si pensi solo alla riforma sanitaria portata avanti da Blair negli anni ’90 in Gran Bretagna!

Il “vuoto” in cui galleggia la coscienza di massa è attraversato da un flusso continuo di immagini, frame discorsivi, slogan, simboli che in una specie di spietata “lotta per la vita” si contendono l’attenzione degli individui e dei gruppi. Ad avere successo, e a diventare dei veri e propri tormentoni, sono quelli la cui tonalità emotiva riflette al meglio le sensazioni grezze di una società in forte sofferenza sul piano materiale e priva di riferimenti sul piano culturale e, in senso lato, “morale”. La maschera di Guy Fawkes è un ottimo esempio: un simbolo buono per tutte le stagioni, visto che non riflette una precisa idealità politica, ma semplicemente un senso di ribellione, rabbia, rivalsa (“vendetta”, appunto) verso il sistema che ci opprime, a prescindere dal fatto che il “sistema” sia identificato con il grande capitale, la “casta” dei politici o con la lobby pluto-giudaico-massonica.

> Conflitto o rappresentazione del conflitto?

628x471Questo dato generale, che ha a che fare con lo stato della coscienza collettiva (e di classe) in questa particolare fase della nostra storia, accomuna le piazze dei forconi e quelle degli “indignados” del maggio 2011, ma con una differenza sostanziale. Il mezzo per superare questo limite lì infatti c’era, ed era un mezzo che appartiene alla tradizione di tutti i movimenti di lotta del passato, e del movimento operaio in particolare: l’assemblea aperta. Nelle mobilitazioni di questi giorni, che io sappia, di assemblee non se ne sono viste. Si sono visti blocchi alla mobilità e cortei, più un paio di mezzi “assalti” a palazzi del potere; ma non luoghi in cui discutere e condividere analisi, elaborare strategie e prospettive, decidere il da farsi.

L’impressione è che il “due pesi, due misure” messo in atto da diverse realtà di movimento rispetto ai “forconi” da un lato e agli “indignados” dall’altro, sia legato anche a questo aspetto. Laddove si teorizza la “sollevazione generale” dei ceti popolari precarizzati quasi come un fine in sé, è chiaro che una piazza disperata, incazzata e disposta a tutto finisce per apparire più appetibile di una piazza in cui, magari, si discute all’infinito senza decidere nulla. Ma forse c’è di più: chi è troppo geloso della propria specificità di gruppo fatica a mettersi in discussione in un’assemblea aperta, sia essa spontanea o convocata da altri, alla quale non può dettare priorità e agenda.

In questo modo, però, l’azione politica finisce per appiattirsi sulle logiche vuote e superficiali che hanno caratterizzato gli sviluppi della coscienza in questi ultimi due decenni. La celebrazione simbolica e mediatica del conflitto sociale non serve a nulla se non si ha un’idea chiara di qual è la direzione verso cui il conflitto sociale va indirizzato – e finisce infatti per tradursi nella sostituzione del conflitto vero con la sua “rappresentazione”. E non si può avere una simile idea se prima non la si è discussa, mettendo a confronto analisi ed esperienze differenti e cercandone, laddove possibile, una sintesi. A questo, in fondo, dovrebbero servire le assemblee.

Il punto allora è: chi oggi stigmatizza chiunque non intervenga nelle piazze dei “forconi”, ha la capacità di offrire una prospettiva del genere? Chi, pur ergendosi a giudice dell’altrui disponibilità a “sporcarsi le mani”, ha snobbato altre mobilitazioni semplicemente perché non corrispondevano ai propri canoni di gestione del conflitto, ha davvero un’analisi coerente da proporre e una linea d’azione chiara, o si limita a seguire la generale tendenza al ribasso che caratterizza lo sviluppo della coscienza politica in questa fase storica?

Se l’unico elemento positivo che caratterizza le mobilitazioni dei “forconi” è l’esplosione spontanea della rabbia dei ceti “metropolitani” marginalizzati e impoveriti, che senso ha inserirsi in quelle piazze con la pretesa di “risignificarle”, visto e considerato che, in tutto questo, ad interessare è più che altro l’esplosione pura e semplice del conflitto sociale, più che l’esigenza di recuperare una funzione egemonica per l’analisi e le prospettive anticapitaliste?

> Una nuova egemonia è possibile…?

Resta aperta, infine, la questione se per le analisi e le prospettive anticapitaliste ci sia davvero, nelle piazze dei “forconi” o in contesti analoghi, uno spazio di praticabilità. E alla luce di quello che si è visto la risposta sembra essere abbastanza chiara e univoca: no.

No, perché l’infiltrazione dei gruppi e della retorica di estrema destra non può essere rimossa “chirurgicamente” a posteriori, ma va semmai prevenuta. No, perché la confusione delle rivendicazioni e degli slogan, così come il qualunquismo e la superficialità assunte dalle forme della protesta, almeno in questa fase, non offrono davvero alcun appiglio alla propaganda anticapitalista classica. Se poi il problema è la coscienza troppo arretrata o l’analisi troppo complicata, se ne può discutere – rimane il fatto che le due sembrano oggi incapaci di incontrarsi a dispetto di ogni sforzo in un senso o nell’altro.

Forconi o meno, la questione di fondo con cui si deve misurare chiunque non abbia perso lo stimolo ad intervenire nella società resta quindi aperta, in tutta la sua drammaticità: la coscienza ha subito un arretramento spaventoso e, a differenza di quanto accadeva quaranta o cinquant’anni fa è appunto la “classe media”, e non la classe operaia, a farla da protagonista nell’arena politica – a prescindere dal fatto che i ceti medi agiscano in risposta ad un effettivo impoverimento, per salvaguardare privilegi o rendite corporative, o perché rivogliono indietro il loro “sogno americano”.

La somma di questi due fattori rende il discorso “classico” della sinistra anticapitalista incapace di farsi largo nella pletora di frame discorsivi, simboli, pseudo-teorie (si veda ad esempio la diffusione di cui godono le bufale sul signoraggio bancario), “memi” che percorrono lo spazio effimero in cui galleggia oggi la coscienza di massa.

Si tratta solo di un problema di comunicazione, o c’è un limite nell’analisi? Il problema può essere posto in questi termini solo se si vedono analisi, propaganda, agitazione, organizzazione, intervento politico nelle lotte come momenti separabili. Se si legge la cosa in modo dialettico – e la lettura dialettica delle dinamiche sociali è forse una delle “lezioni” universalmente applicabili del marxismo – ci si rende conto che un problema di comunicazione è un problema di analisi (e di prospettiva).

Non si tratta qui di “ripudiare”, di fare “revisioni”, o di aggiungere il prefisso “post-” davanti a qualche “-ismo”. Cose del genere sono state fatte e rifatte più volte in passato, con conseguenze spesso imbarazzanti. Si tratta, semmai, di fare, con grande onestà, i conti con la realtà. Anche a costo di ammettere che, in questo paese e in questa particolare fase storica, la prospettiva di un cambiamento in senso socialista (per via riformista, insurrezionale o rivoluzionaria a questo punto poco importa) si sta irrimediabilmente allontanando; e che con ogni probabilità rimarrà impraticabile non per pochi anni, ma forse addirittura per qualche decennio.

Nella sempre valida alternativa fra socialismo e barbarie, la società italiana sembra aver già compiuto la sua scelta da un pezzo. E non è affatto la scelta “giusta”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Ideologia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a La sinistra e i “forconi”

  1. Monsieur en rouge ha detto:

    La riflessione sulle piazze del 2011 e su chi scelse di boicottarle in maniera più o meno velata e più o meno attivamente dal punto di vista politico mi trova molto d’accordo. Certo, essere d’accordo con una domanda parrebbe strano, ma in questo caso è il fatto in sé di porre la domanda che è già una posizione che si può scegliere di apprezzare. Il problema, che mi spaventa e che a quanto sembra fa preoccupare pure te (e non vedo perché non dovrebbe) è che mi sfugge la risposta a questa domanda: perché ora sì e allora no?

    Bel pezzo, alla prossima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...